Serie B1
mercoledì 11 agosto 2021
La Rothoblaas si assicura l'esperienza e la solidità di Pucnik

Quarta novità in casa Rothoblaas Volano in vista della stagione sportiva 2021/2022. Dopo le belle conferme di De Val, Galbero, Tasholli e Tresoldi e gli arrivi di Bellini, Petruzziello e Bonafini, nei giorni scorsi il direttore sportivo Michele Boschi ha definito anche l'ingaggio della schiacciatrice Katerina Pucnik.

La laterale Katerina Pucnik nella sede di Volano Volley
La laterale Katerina Pucnik nella sede di Volano Volley

S'impreziosisce, dunque, di un altro importante "petalo" la rinnovatissima rosa affidata al tecnico Luca Parlatini, che fra meno di due settimane si ritroverà in palestra per cominciare a preparare la quarta avventura del nostro sodalizio nel campionato nazionale di Serie B1. Nata a Trieste nel 1994, Pucnik è cresciuta pallavolisticamente nel settore giovanile del Bor, prima di approdare in terra trentina - nel 2011 - in serie D con la casacca del Marzola, sotto la guida di Maurizio Moretti. L'ascesa della laterale giuliana prosegue senza sosta e, dopo la prima avventura in B2 nelle fila dell'Argentario, sbarca ben presto in B1 nella Delta Informatica Trentino Rosa. Ricopre il ruolo di vice Marchioron e vive due stagioni ricche di successi e soddisfazioni dal 2013 al 2015: vittoria della B1, conquista della Coppa Italia e conseguente promozione in Serie A2. Pucnik, però, vuole sentirsi protagonista e, soprattutto, giocare con maggior continuità, quindi nell'estate 2015 torna a calcare i parquet della B2, prima con l'Argentario e nel corso dell'autunno il successivo passaggio al Coredo (dopo l'addio di Facco). La stagione 2016/17 segna il suo definitivo rientro all'Argentario Progetto VolLei, dove vive un'annata indimenticabile (256 punti totali) che si conclude con la storica promozione in B1 del sodalizio di Cognola (63 punti con 22 vittorie e 4 sconfitte). Arrivano, poi, altre quattro positive annate, sempre in B1, con l'Argentario divenendo negli anni un punto di riferimento fondamentale per le giovani "argentelle". Il resto è storia recente per Pucnik che, in Trentino, ormai si sente a casa. Un feeling, e soprattutto, un'amicizia fortissima con la regista Aurora Bonafini che ritroverà pure nella palestra di via Zucchelli indossando i colori biancorossi della Rothoblaas Volano.

Pucnik si prepara alla ricezione nell'ultimo derby fra Rothoblaas Volano e Trentino Energie Argentario (Foto di Nicola Stedile)
Pucnik si prepara alla ricezione nell'ultimo derby fra Rothoblaas Volano e Trentino Energie Argentario (Foto di Nicola Stedile)

"Ce l'avete fatta a portarmi qui - esordisce l'atleta triestina dopo la firma sul contratto - e sono davvero contenta di questa nuova avventura. Sarà il mio 10° anno lontano da casa e, ormai, mi sento una trentina acquisita - sorride -, anche se mia mamma non sarà troppo contenta di questa affermazione! Sono legata a questa terra, anche per motivi sentimentali, e sono entusiasta di intraprendere un nuovo percorso, dopo un lungo e senz'altro positivo cammino con l'Argentario. Che B1 sarà? Difficile fare previsioni, perché ogni anno ci sono delle sorprese e qualche atleta che scende dalla A spostando gli equilibri dei gironi. Ormai conosco tantissime atlete, ma nel contempo diverse realtà si stanno ringiovanendo e un passo alla volta sono stata inserita pure io nell'albo delle atlete più esperte. Sicuramente ci sarà da battagliare in ogni partita e ogni settimana proveremo a raccogliere più punti possibili senza pensare alla classifica. Una piazza nuova che mi regala nuovi stimoli per continuare a migliorarmi - conclude Pucnik, in procinto di terminare il suo percorso di studi presso la Facoltà di Giurisprudenza -, ma dove troverò compagne-amiche che conosco bene, come la centrale De Val e l'alzatrice Bonafini. A presto e forza Volano!"

Katerina Pucnik in battuta fra le mura del PalaBocchi
Katerina Pucnik in battuta fra le mura del PalaBocchi

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,422 sec.

Cerca

Inserire almeno 4 caratteri