Volano Volley rothoblaas capigroup srl roverplastik logo Trentino
Serie B1

Il Volano domina per due set, ma la spunta Ostiano

Ci ha provato fino all’ultimo, il Volano, a conquistare la prima vittoria stagionale e a regalare al caldissimo pubblico di casa la prima gioia della stagione, ma anche questa volta il tie break ha stoppato il cammino delle biancorosse. Opposto ad una squadra esperta, il Fantini Folcieri Ostiano, che all’esordio aveva già conquistato tre punti, un team che sa aspettare il momento per accelerare e soprattutto che riesce a limitare al minimo gli errori, il Rothoblaas ha dovuto rimontare due volte per guadagnarsi il quinto set, pagando nel finale dell’ultima frazione alcuni episodi particolarmente sfortunati. Un destino avverso, che aveva infierito anche nel secondo set, togliendo di mezzo Emma Galbero, infortunatasi al ginocchio destro sul punteggio di 17-12.

Se la squadra di Luca Parlatini ha incassato un 2-3 casalingo (19-25, 25-16, 16-25, 25-14, 12-15) non è stato però solo per la cattiva sorte, dato che la squadra di casa ha commesso anche questa volta molti più errori delle avversarie, il doppio al servizio (18 contro 9) e due in più in attacco (11 contro 9). Il primo valore, in particolare, ha pesato nell’economia del match, dato che il fondamentale nel quale le cremonesi hanno sofferto di più è stata certamente la ricezione, non solo per gli 11 ace contro 3 realizzati dalle trentine, ma anche per la differenza macroscopica di rendimento delle due linee (71% per il Volano contro il 48% delle lombarde). Se ci aggiungiamo che in una squadra nuova di zecca molti meccanismi sono ancora da rodare, si capisce perché contro avversarie molto attrezzate come Giorgione (ieri battuto nettamente dal Porto Mantovano) e Ostiano sia così complicato avere la meglio.
Il tempo per aggiustare le cose c’è, ma ora serve un cambio di marcia, da costruire sfruttando i prossimi tre turni, che abbineranno il Rothoblaas a squadre probabilmente meno attrezzate rispetto alle due già affrontate, ovvero Pool Piave e le due neopromosse Piadena e Blu Team, con la pausa del 5 novembre in mezzo.

La cronaca

Nel sestetto di partenza biancorosso c’è ancora Emma Galbero in diagonale con Alice Bellini, accanto alle coppie Braida - Petruzziello e de Val - Gridelli. Alberto Leali decide di mandare in campo la centrale Martina Focaccia, assente all’esordio e ancora limitata nella potenza dell’attacco, insieme a Noemi Barbarini, il regia c’è Emma Rizzieri con la prolifica Irene Zonta in contromano, mentre in banda sono confermate la bomber Alessandra Vidi con Giorgia Furlan; libero è Anna Volta.

I primi scambi ci mostrano un Volano caparbio, capace di portarsi sul 5-2 grazie alla buona vena di Petruzziello e a un muro di de Val su Furlan. Basta aspettare pochi minuti e l’Ostiano pareggia i conti a quota 7, grazie a un muro al centro di Focaccia su de Val e a un errore di Alice Bellini da seconda linea. Fino al 18-18 la sfida si gioca alla pari, dato che il Rothoblaas riesce a rintuzzare ogni tentativo di fuga delle lombarde: da 13-15 a 15-15 grazie a un muro di Gridelli su Vidi, da 15-18 a 18-18, appunto, grazie a due attacchi di Orlandini, entrata un attimo prima per Galbero, e a un errore di Vidi. A quel punto, però, il cambio palla del Volano si paralizza e l’opposta Zonta infierisce per due volte in attacco ed una a muro (18-22), poi arrivano un fallo di Gridelli e un attacco di Furlan a chiudere de facto la frazione (18-14). Il 19-25 è frutto di un primo tempo di Focaccia.

L'intervento dei sanitari dopo l'infortunio di Emma Galbero
L'intervento dei sanitari dopo l'infortunio di Emma Galbero

Il Volano scarica tutta la propria rabbia nella frazione successiva, che ribalta completamente i rapporti di forza. Anche questa volta si porta sul 5-2 con un ace di Petruzziello, ma la differenza sta nel fatto che poi non lascia alcuno spazio di rimonta all’Ostiano. Un muro di Gridelli sulla centrale Barbarini, porta un altro break (7-3), poi Bellini in attacco e Gridelli in battuta rendono il divario già incolmabile (10-4). Le ospiti arrancano, ma incassano anche un muro di de Val su Vidi e un’ace di Bellini sul libero (14-8), che rende il finale della frazione una formalità. Purtroppo, però, sul 17-12, Emma Galbero ricade male da un attacco e si accascia a terra dolorante al ginocchio destro, sostituita in via definitiva da Emma Orlandini. Toccherà alla risonanza magnetica stabilire la natura dell’infortunio e i tempi di recupero, che ci si augura non siano troppo lunghi, dato che la squadra deve fare già a meno di un altro posto-4, ovvero Ilenia Calza. Il set scivola rapidamente fino al 25-16 con altri due muri biancorossi firmati da Braida e de Val.

I rumorosi tifosi di casa si augurano che sia la svolta del match, invece nella terza frazione il Rothoblaas ricomincia a balbettare. Non subito, giacché fino al 7-7 nulla lascia presagire che l’Ostiano di lì a poco sarebbe decollato, anche grazie a Carlotta Petruzziello, che in attacco e a muro realizza quasi la metà dei punti biancorossi. Poi, però, il cambio palla di casa torna nella buca e dopo una prima crepa (7-9 con un attacco della solita Zonta), frana per mano dei servizi di Alessandra Vidi, che comincia sull’8-10 e finisce sull’8-15. Irene Zonta fa il bello e il cattivo tempo, Alice Bellini invece si fa murare da Focaccia e sbaglia un attacco. Sull’11-19 Luca Parlatini manda in campo la regista Chiara Paoli, che fa così il proprio esordio in B1, insieme a Caterina Miori, che era già stata buttata nella mischia al posto di Gridelli nel primo set. Una serie di errori lagarini velocizza la marcia verso il 16-25 finale.

Come era successo dopo aver perso la prima frazione, anche stavolta il Volano reagisce con grande veemenza e nella quarta polverizza l’Ostiano. Gran parte del merito è del servizio, che mette in croce la ricezione ospite e consente a Braida e compagne di gestire il set senza affanni. Subito 4-0 con le battute super di Petruzziello, con Caterina Miori nello starting seven, poi il punteggio schizza sull’8-2 in virtù di un raro errore di Zonta e di un attacco dell’opposta modenese in maglia Rothoblaas. Un ace di Jessica de Val rende incolmabile il divario già sul 12-5, poi l’Ostiano imbastisce una piccola reazione (15-12 grazie ad un paio di errori biancorossi e ai muri di Rizzieri e Barbarini), ma il Volano scappa verso il tie break, grazie alle difese in serie di Elena Pierobon. Alla fine Alice Bellini confeziona un piccolo show personale, realizzando quattro ace consecutivi sulla coppia Furlan - Volta, ormai con la testa alla quinta frazione. Il 25-14 è un bel viatico verso lo spareggio finale.

La mvp del match Irene Zonta
La mvp del match Irene Zonta

Il tie break inizia nel segno del Volano, che sembra deciso a conquistare la prima vittoria stagionale, trascinato da Petruzziello. Le cremonesi ci mettono tre errori e sul 7-4 Leali deve chiamare il time out, uno stop che cambia l’inerzia della frazione, dato che dopo il rientro in campo il Rothoblaas non conquista più alcun break point, mentre l’Ostiano carica il braccio di Irene Zonta e sono dolori: il break decisivo è quello che porta il tabellone elettronico dal 9-7 al 9-10: il punto del 9-9 è frutto di un servizio deviato dal nastro, che Miori apparecchia per lo smash di Focaccia; ancora più sfortunata la scivolata di Bellini, che ne arresta la rincorsa sull’attacco del possibile 13-13, trasformato invece in 12-14. Chiude la solita Zonta.

Il tabellino

Elenco degli argomenti delle notizie:

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,5 sec.

Cerca nelle news