Volano Volley rothoblaas capigroup srl roverplastik logo Trentino
Serie B1

Il copione si ripete, Arena Volley ancora corsara a Volano

Anche questa volta in via Zucchelli contro l’Arena Volley non si passa. Come un anno fa la squadra scaligera espugna il campo del Volano senza lasciare alcun set alle padrone di casa, che pure hanno avuto la possibilità di giocarsi alla pari la seconda e la terza frazione di questo match inserito nel programma della quinta giornata. Il Rothoblaas ha infatti condotto per 23-20 nella seconda e per 24-23 nella terza, ma gli è sempre mancata la stoccata finale, che invece le veronesi, ben più ciniche, hanno saputo piazzare quando serviva. Lo 0-3 suona fin troppo pesante per Bortoli e compagne, ma è il risultato di alcuni momenti di black out, risultati fatali. Un copione già visto tante volte nelle esibizioni casalinghe, che in questa occasione può essere parzialmente spiegato con l’assenza di una pedina importantissima come Eugenia Ottino, ferma da qualche giorno in attesa di accertamenti medici.

I numeri raccontano di sottili differenze fra le due compagini, vedi quelle dell’attacco (38% - 34%) e del muro (10-9) a favore dell’Arena, o quelle nell’ambito degli ace (6-4) a favore del Volano, ma ad incidere di più sono stati ancora una volta gli errori complessivi, che vedono le biancorosse prevalere per 21 a 15, numeri contenuti, ma decisivi. In posto-4, accanto ad Emma Galbero, Luca Parlatini ha dato fiducia prima a Sesenna e poi a Mandò, che ha sfruttato bene l’occasione per farsi conoscere dal pubblico di Volano, come dimostrano i suoi numeri (55% in ricezione, 45% in attacco e 2 ace), ma purtroppo non è bastata.

La cronaca

Il Volano, dovendo rinunciare a Eugenia Ottino, manda in campo Chiara Sesenna in diagonale a Emma Galbero, confermando le diagonali Bortoli - Petruzziello e de Val - Campagnolo. Marcello Bertolini non riserva sorprese e schiera l’esperta Marta Bissoli al palleggio, il braccio pesante di Clarissa Covino in contromano, Gioia Riccato e Elena Cappelli in posto-4, Fabiana Brutti e la giovane Teresa Peloso al centro, Michela Moschini libero.

Chiara Sesenna entra subito da protagonista nel match: il suo turno al servizio frutta due break point con la sua firma in calce (pipe e ace su Cappelli), ma il piccolo vantaggio sfuma già sul 4-3, quando Riccato restituisce l’ace, colpendo proprio Sesenna. Il Rothoblaas è carico e riesce a costruirsi uno dei vantaggi più importanti della serata quando Jessica de Val batte con efficacia, trovando, oltre ad un ace ancora su Cappelli, il contrattacco di Petruzziello e lo smash di Bortoli dopo una difesa. Il +4 dovrebbe dare una bella iniezione di fiducia alla biancorosse, invece pungola le veronesi, che con due soli turni al servizio, quelli di Cappelli e Peloso, si lanciano a +2 e mettono anticipatamente le mani sul set. Grande protagonista è Covino, che chiude di forza tre scambi, ma contribuiscono alla causa gialloblù anche una fast fuori misura di Campagnolo e un fortunoso ace sul nastro. Sul 12-14 non c’è nulla di scritto, ma il Volano non riesca più ad accelerare. Si porta a casa qualche cambio palla, poi collassa quando va nuovamente al servizio Cappelli, ancora con Covino nelle vesti di dominatrice della scena: muro su Sesenna, smash e attacco del 16-21. A quel punto, dopo l’ingresso di Mandò per Sesenna, non ci sono più spazi per alcun recupero e un muro di Peloso su Galbero fissa il 18-25.

Il secondo set, che comincia con Emma Mandò confermata in campo, non dà segnali incoraggianti alla folta tifoseria biancorossa. Ad ogni turno al servizio l’Arena piazza un break: 0-1 con un errore di Petruzziello, 2-3 con un attacco della solita Covino, 4-7 con un attacco di Cappelli, 5-9 di nuovo con Covino. Lo schema che si ripete è quello che vede il cambio palla del Volano incapace di mettere la palla a terra e le ospiti leste ad approfittarne quando lo scambio si fa lungo. Il time out riporta un po’ di lucidità nelle file trentine, così bastano un ace di Mandò e un primo tempo fuori misura di Peloso per riaprire la frazione (9-10). Il Rothoblaas capisce che è il momento di dare tutto e lo fa con un ace di Sesenna (rientrata solo per il servizio) e un muro di Bortoli su Cappelli, che vale un sorpasso tonificante (15-14). Cappelli si rifà (15-16), ma sul 21-21 il Volano sembra dare l’accelerata definitiva, scappando sul 23-20 per merito di Campagnolo, che mura la fast di Brutti, di Petruzziello e di un errore di Cappelli. Sembra fatta, invece la stessa opposta modenese si fa murare l’attacco del possibile 24-20, poi Cappelli va a segno due volte e Peloso la mura di nuovo. Una serie letale, che regala il primo set ball all’Arena sul 23-24. Si arriva sul 24-24, poi il Volano contesta una decisione arbitrale su una palla contesa sotto rete (invasione delle veronesi), ma sulla ripetizione dell’azione Petruzziello manda la battuta in rete e poi un errore in attacco di Campagnolo regala la frazione alle ospiti: 24-26.

Il Rothoblaas scarica la rabbia che ha in corpo nell’inizio del terzo parziale, che lo vede scappare sul 4-0 con due ace consecutivi di Emma Mandò. Basta però un turno al servizio all’Arena per soffocare il tentativo di fuga: le battute violente di Covino fanno la differenza, il Volano subisce un ace e uno smash e siamo sul 5-5. Inizia un battaglia furiosa, fatta di sorpassi e contro-sorpassi, è la fase più avvincente del match. Le padrone di casa riescono per quattro volte a mettere la testa davanti, sul 10-8 grazie a due belle battute di Galbero, sul 12-9 con un muro di Campagnolo, sul 16-13 con un muro di de Val, sul 18-15 con errore di Riccato, ma sul più bello il Rothoblaas si blocca: con Riccato al servizio le veronesi piazzano quattro break point, frutto di due attacchi di Peloso e di un muro e un tocco di Brutti. Sul 18-20 non è ancora finita, Mandò avvicina il Volano (21-22), de Val (muro su Peloso) e ancora Mandò lo riportano davanti sul 23-22. Si va ai vantaggi e le biancorosse si trovano anche nelle mani un primo e unico set ball sul 24-23, ma poi due attacchi violenti della mvp Riccato e un errore di Galbero chiudono il sipario sul 25-27.

Il tabellino completo

La premiazione dell'mvp Gioia Riccato
La premiazione dell'mvp Gioia Riccato

Elenco degli argomenti delle notizie:

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,516 sec.

Cerca nelle news