Volano Volley rothoblaas capigroup srl roverplastik logo Trentino
Serie B1

Il Rothoblaas domina per due set, poi la spunta di forza 3-1

Non si ferma la corsa del Rothoblaas Volano verso le zone nobili della classifica. Ieri sera all’arena biancorossa la squadra di Luca Parlatini ha superato per 3-1 (25-15, 25-17, 20-25, 27-25) l’Enercom Fimi Crema, portando a quattro il numero di vittorie consecutive inanellate dopo Natale. È stato un match dai due volti, quello visto ieri sera, che ha proposto una prima parte nella quale la battuta delle padrone di casa ha di fatto impedito alle ospiti di sviluppare il proprio gioco e una seconda nella quale invece le due formazioni si sono fronteggiate alla pari. Il Volano ha faticato a calarsi nelle nuove coordinate del match, perdendo una terza frazione che fino al 10-5 sembrava poter controllare senza affanni, e iniziando con difficoltà la quarta, ma nel finale del quarto ha saputo trovare gli spunti per bloccare la fuga di Crema e dare il colpo di coda decisivo. Una bella dimostrazione di carattere.

Nel tabellino spiccano i 15 ace contro 5 a favore delle lagarine, ma ben 12 sono stati realizzati nei primi due set, mentre negli altri aspetti del gioco le differenze sono minime: 48 attacchi vincenti contro 46, 8 muri a 7, 23 errori complessivi contro 24. Complessivamente il Rothoblaas ha comunque meritato di portare a casa i tre punti e di festeggiare, con essi, anche il rientro in campo dopo parecchi mesi di Eugenia Ottino, che ha finalmente ottenuto semaforo verde dai medici per tornare in palestra. Con il suo apporto la squadra è ora dotata di un organico davvero completo, che può anche permettersi, come accaduto nel finale del terzo set, di sostituire l’intero terzetto di palla alta.

Con questo 3-1 il Volano supera Vicenza in classifica e si porta al terzo posto, ma le venete non si sono mosse perché a riposo, un turno di stop obbligato che la prossima settimana toccherà in sorte a Bortoli e compagne. Poi sarà una lunga volata fino all’11 maggio e magari... anche oltre.

La cronaca

Le padrone di casa iniziano la sfida con l’assetto che ha permesso loro di conquistare tre vittorie consecutive dopo la pausa natalizia, ovvero con le diagonali Bortoli - Petruzziello, Galbero - Magazza, de Val - Campagnolo, con Giudice libero. Dall’altra parte della rete confermate la regista Giulia Moretti, l’opposta Giulia Giroletti, le centrali Monica Fioretti ed Eva Ravazzolo, mentre in posto-4 accanto al braccio pesante di Noemi Despaigne Matteo Moschetti sceglie Ludovica Pagliuca. Libero Alice Labadini.

Dopo il fischio d’inizio il Rothoblaas inizia a bersagliare la linea di ricezione cremasca con una efficacia ed una continuità che ha pochi precedenti, anche per un team particolarmente attrezzato al servizio come quello biancorosso. Quasi tutte le rotazioni trentine procurano grossi guai al cambio palla dell’Enercom, che non riesce ad entrare nel match. Il primo ace è di capitan de Val (2-1), seguito da un pallonetto vincente di Magazza. Crema riesce a pareggiare sul 4-4 con un attacco di Giroletti, ma poi incassa altri due punti diretti dal servizio di Campagnolo, ai quali fa seguito un muro di Galbero su Giroletti. Una pipe fuori misura di Magazza dà per un attimo respiro a Crema (9-8), ma basta che si porti sulla linea dei nove metri Galbero e il copione si ripete: ace su Despaigne, ace su Labadini e siamo 13-9. La seconda rotazione volanese si apre con un altro ace di de Val su Pagliuca, accompagnato dagli errori di Fioretti e Despaigne in attacco. Alle ospiti non riesce quasi nulla e il Rothoblaas veleggia sicuro verso la fine della frazione. Campagnolo mura la fast di Ravazzolo, poi tocca a Petruzziello realizzare i servizi vincenti del 21-11, entrambi con l’aiuto del nastro. Nel finale ci pensano Galbero e Ravazzolo (altro attacco out) a confezionare il 25-15.

Nella seconda frazione il numero di servizi vincenti cala inevitabilmente, ma non mutano granché le difficoltà di Crema nel conquistare il cambio palla. A dare subito una mano alle padrone di casa è un altro errore di Ravazzolo in fast (2-0), poi Magazza non fallisce in contrattacco del 5-2. Tutto fila lascio fino all’8-4, poi le lombarde danno i primi segnali di reazione, grazie a due servizi efficaci di Pagliuca, che fruttano un ace in zona di conflitto e un errore di Galbero (8-7). Anche Fioretti, poco dopo, realizza un ace e fissa la parità sul 9-9. Potrebbe essere l’inizio di un nuovo match, invece la spietata de Val realizza il suo terzo ace di serata, al quale si affianca un muro di Petruzziello su Giroletti per un 13-10, che diventa già definitivo, dato che l’Enercom non riesce più a rispondere. Campagnolo ricomincia a demolire la ricezione ospite e realizza tre ace quasi consecutivi, affondando il colpo su Labadini, Pagliuca e sulla neo entrata Guerini Rocco, mentre Galbero e Magazza colpiscono in attacco quando la palla rimane in gioco. Il risultato è un altro 25-17.

Crema, memore della battaglia dell’andata, vorrebbe reagire, ma fatica a giocare la propria pallavolo e l’inizio della terza frazione non sembra certo deporre a favore di un mutamento del copione. Due errori consecutivi di Despaigne, ancora fuori dal match, e un altro ace dell’indiavolata de Val lanciano il Rothoblaas sul 3-0, poi anche Campagnolo va a segno per l’ennesima volta dai nove metri e fissa un promettente 7-4. Crema sembra prossima a consegnarsi all’avversario quando Pagliuca sbaglia tre attacchi consecutivi e guadagna la panchina a favore di Tonello, ma poi rientra in campo sull’11-7 e da lì inizia una nuova partita. La schiacciatrice rossoblù serve ben per due volte e arrivano un ace su Magazza e un muro di Fioretti su Petruzziello (10-9). Il Volano si fa sorprendere dalla reazione e lascia mano libera a Noemi Despaigne, che inizia a giocare come sa, mettendo a terra ogni pallone che passa dalle sue parti, compreso quello dell’aggancio sul 12-12. Si lotta alla pari fino al 16-16, poi Pagliuca mura Galbero, che subito dopo commette anche un errore (16-18). Despaigne continua a martellare, realizzando i punti del 18-20, 18-21 e 19-22 e a poco serve la rivoluzione tentata da Luca Parlatini, che cambia l’intera batteria di palla alta, inserendo Sesenna, Ottino e Mandò, perché Crema viaggia sicura fino al 20-25 finale.

Si tratta, ora, di giocare un’altra partita. La quarta frazione è equilibratissima dall’inizio alla fine, la più godibile sul piano agonistico. I cambi palla funzionano bene da entrambe le parti, ma il Volano si trova subito a dover recuperare uno svantaggio di 3-5, creato da un errore di Bortoli e un contrattacco di Pagliuca. Ad aiutarlo sono un errore di Giroletti (6-6) e il fondamentale del muro (Galbero su Fioretti al centro), ma il servizio non riesce più a spostare l’ago della bilancia e si combatte all’arma bianca. Ci pensa un muro di capitan de Val su Fioretti a dare coraggio alle compagne (14-13), ma Crema non ha alcuna intenzione di mollare l’osso e val al sorpasso con un ace della neo entrata Abati sul nastro. Un provvidenziale muro di de Val su Despaigne impedisce a Crema di scappare via, poi è Laura Bortoli ad inventarsi un tocco piedi a terra che vale il break point del 19-18. Le ospiti non mollano l’osso, però, vogliono fortissimamente il tie break e beneficiano di un attacco out di Petruzziello e di un contrattacco di Giroletti per riprendere in mano il pallino (20-22). C’è ancora la firma di Bortoli (ace su Pagliuca) nella risposta trentina (23-23), poi Galbero schianta a terra la palla del 24-23. Crema non molla e dopo il cambio palla viene omaggiata da un errore di Petruzziello (24-25), ma poi c’è solo il Volano in campo: attacco di Galbero, errore di Giroletti, muro di Petruzziello su Despaigne e il Rothoblaas va a vincere la battaglia per 27-25.


Il tabellino completo

Elenco degli argomenti delle notizie:

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,906 sec.

Cerca nelle news